Condizioni per l’Utilizzo         

Data di pubblicazione: settembre 2014; Data di entrata in vigore: settembre 2014

QUALORA L’UTENTE RISIEDA NEGLI STATI UNITI, L’ARTICOLO 7 CONTIENE UNA CLAUSOLA VINCOLANTE DI ARBITRATO E UNA RINUNCIA ALL’AZIONE DI CLASSE, CHE INFLUISCE SUI DIRITTI DELL’UTENTE RELATIVI ALLE MODALITÀ DI RISOLUZIONE DI EVENTUALI CONTROVERSIE CON MICROSOFT. L’UTENTE DEVE LEGGERLO CON ATTENZIONE.

Grazie per aver scelto Microsoft. Il presente documento costituisce un contratto tra l’utente e Microsoft Corporation (o, in base al luogo di residenza dell’utente, una delle sue consociate) che regola i diritti di utilizzo del software e dei servizi identificati all’Articolo 1.1. Per comodità, alcune condizioni del presente Contratto sono formulate nel formato domanda e risposta. L’utente è tenuto a prendere visione dell’intero Contratto, poiché tutte le condizioni sono importanti e, congiuntamente, costituiscono un contratto legale cui l’utente dovrà attenersi dopo averlo accettato.

1. Ambito del Contratto, accettazione e modifiche

1.1. Quali servizi sono disciplinati dal presente Contratto? Il presente Contratto si applica ai giochi, al contenuto, alle applicazioni e ai servizi Xbox, inclusi Xbox Live, SmartGlass, Games for Windows-Live, Xbox Video, Xbox Music e Windows Phone Store/Marketplace (tra cui gli store con il marchio di un partner di Windows Phone collegati al presente Contratto) e il software o i servizi che consentono di visualizzare o utilizzare oppure di eseguire lo streaming o il download di un determinato contenuto digitale, quale musica, video, giochi, applicazioni e altro contenuto che Microsoft rende occasionalmente disponibile (i “Servizi”). I Servizi potranno essere accessibili dalla console Xbox One, dalla console Xbox 360, da un personal computer, un dispositivo mobile, un lettore multimediale portatile o da altri dispositivi, ognuno nella modalità autorizzata da Microsoft (ciascuno un “Dispositivo Autorizzato”) o online. Nell’utilizzo dei Servizi l’utente dovrà attenersi alle presenti condizioni (“il presente Contratto”).

1.2. Esistono condizioni aggiuntive per l’utilizzo dei Servizi? L’obiettivo di Microsoft è quello di creare un ambiente più sano e sicuro; di conseguenza, durante l’utilizzo dei Servizi, gli utenti dovranno rispettare quanto segue, poiché parte integrante del presente Contratto:

· Le presenti Condizioni per l’Utilizzo

· Le regole per l’utilizzo di Xbox Live (http://www.xbox.com/usagerules)

· I Criteri Microsoft Contro la Posta Indesiderata (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=117951) e

· Il Codice di Comportamento (http://www.xbox.com/legal/codeofconduct)

1.3. Esistono condizioni aggiuntive per l’utilizzo dei Servizi o del contenuto accessibile tramite i Servizi? Microsoft identificherà il fornitore di ciascuna applicazione resa disponibile in quanto parte dei Servizi o tramite essi. Alcuni giochi, applicazioni, contenuti, servizi online, annunci pubblicitari o eventi di terzi (ad esempio, lotterie e tornei) disponibili nei o tramite i Servizi (“Funzionalità di Terzi”), potranno essere accompagnati da contratti, informative sulla privacy specifici o aggiuntivi e da altre condizioni che disciplinano l’utilizzo da parte dell’utente di tali Funzionalità di Terzi (collettivamente “Condizioni Aggiuntive”).

Il Contratto di Licenza Standard per l’Applicazione disponibile nella parte finale del presente Contratto contiene le Condizioni Aggiuntive che intercorrono tra l’utente e il fornitore dell’applicazione e che si applicano all’utilizzo di un’applicazione che viene scaricata tramite il Windows Phone Store/Marketplace, a meno che l’applicazione non sia corredata di condizioni di licenza specifiche. Un’applicazione potrà anche essere soggetta a ulteriori Condizioni Aggiuntive, ad esempio a condizioni del servizio o a un’informativa sulla privacy, qualora l’applicazione consenta l’accesso ad altre Funzionalità di Terzi.

Microsoft è una delle parti che sottoscrivono le Condizioni Aggiuntive solo quando eroga i Servizi applicabili o le applicazioni. Microsoft non concede in licenza all’utente alcuna proprietà intellettuale nell’ambito di una Funzionalità di Terzi resa disponibile attraverso i Servizi né è responsabile, salvo quanto diversamente stabilito dalla legge, per:

· le Funzionalità di Terzi;

· l’utilizzo delle Funzionalità di Terzi da parte dell’utente;

· il contenuto delle Funzionalità di Terzi;

· il supporto tecnico per le Funzionalità di Terzi o

· le eventuali garanzie o i reclami relativi alle Funzionalità di Terzi.

Il presente Contratto e le Informative sulla Privacy cui si fa riferimento non si applicano alle Funzionalità di Terzi e le Condizioni Aggiuntive che disciplinano tali funzionalità non modificano in alcun modo le condizioni contenute nel Contratto.

Il codice o gli script di terzi, collegati ai suddetti Servizi, o ai quali si fa riferimento in tali Servizi, sono concessi in licenza all’utente dai terzi che sono in possesso di tale codice, non da Microsoft.

1.4 Come si accetta il presente Contratto? Utilizzando o accedendo ai Servizi oppure accettando le presenti condizioni nel caso in cui questa opzione sia resa disponibile nell’interfaccia utente, l’utente conferma di accettare il presente Contratto, senza modifiche. Qualora non le accetti, l’utente non potrà utilizzare i Servizi.

1.5 A partire da quale età è possibile utilizzare i Servizi? Utilizzando i Servizi l’utente dichiara di essere ritenuto maggiorenne nel Paese in cui risiede e accetta di essere vincolato dal presente Contratto oppure di essere il genitore o il tutore di un minore che dispone di un account associato al proprio, per conto del quale accetta il presente Contratto. Per utilizzare i Servizi, è necessario disporre di un account Microsoft. È possibile che l’utente debba accettare altre condizioni per l’utilizzo e fornire informazioni aggiuntive al fine di usare il proprio account Microsoft con altri servizi Microsoft.

1.6 Microsoft può cambiare il presente Contratto dopo che è stato accettato? Sì. Periodicamente Microsoft potrà cambiare o modificare tali condizioni. In tal caso Microsoft informerà l’utente tramite l’interfaccia utente, in una notifica di posta elettronica o utilizzando un altro mezzo adeguato. L’utilizzo dei Servizi da parte dell’utente successivamente alla data di entrata in vigore della modifica costituirà accettazione delle condizioni modificate. Qualora non le accetti, l’utente dovrà interrompere l’utilizzo dei Servizi e annullare i Servizi a pagamento attenendosi alle istruzioni riportate all’Articolo 6.10. Diversamente, l’utente dovrà conformarsi alle nuove condizioni.

1.7 Quali tipi di modifica possono essere apportati ai Servizi? Microsoft lavora continuamente al miglioramento dei Servizi e li potrà cambiare in qualsiasi momento. Inoltre, vi sono situazioni in cui Microsoft potrebbe interrompere l’erogazione di parti dei Servizi, inclusi, a titolo esemplificativo, casi in cui non sia più fattibile per Microsoft erogare tali parti, avanzamenti tecnologici, commenti dei clienti che indicano la necessità di una modifica, contratti stipulati con terzi che non permettono più a Microsoft di rendere disponibile il proprio materiale o l’insorgere di problemi esterni che rendono imprudente o difficoltoso il proseguimento dell’erogazione. Microsoft potrà rilasciare i Servizi o le loro funzionalità in una versione beta, che potrebbe non funzionare correttamente o non funzionare nello stesso modo della versione finale. Microsoft potrà, tra l’altro: (i) limitare l’accesso ai Servizi, (ii) recuperare informazioni dal Dispositivo Autorizzato e da qualsiasi periferica connessa utilizzata per accedere ai Servizi nella modalità necessaria per operare e proteggere la sicurezza dei Servizi e per applicare il presente Contratto e (iii) aggiornare, modificare, ritirare, sospendere o interrompere qualsiasi funzionalità o caratteristica dei Servizi oppure qualsiasi hardware o software associato ai Servizi o a un Dispositivo Autorizzato, di volta in volta senza comunicarlo. Microsoft potrà operare in tal modo eseguendo il download automatico del software correlato direttamente nel Dispositivo Autorizzato dell’utente, incluso il software che impedisce all’utente di accedere ai Servizi, utilizzare giochi pirata o usare periferiche hardware non autorizzate.

1.8 In che modo possono essere utilizzati gli account associati? Per alcune parti dei Servizi l’utente può essere autorizzato a creare account aggiuntivi che dipendono da quello dell’utente (“account associati”). L’utente accetta di essere vincolato dal presente Contratto relativamente a qualsiasi account associato (inclusi quelli per i minori) di cui è attualmente in possesso o che creerà in seguito e di essere responsabile di tutte le attività che si svolgeranno tramite il proprio account dei Servizi e gli eventuali account associati. Microsoft potrà stabilire limiti riguardo a chi potrà utilizzare l’account dei Servizi dell’utente o qualsiasi account associato oppure al numero di dispositivi tramite i quali l’utente potrà accedere ai Servizi. Qualora l’utente consenta o permetta a un minore di utilizzare un account associato:

Dichiara di essere il genitore o un tutore di tale minore.

Dà atto che alcune funzionalità dei Servizi e parte del contenuto disponibile tramite i Servizi potranno contenere o esporre gli utenti a materiale non adatto ai minori. L’utente accetta di sorvegliare l’utilizzo dei Servizi da parte dei minori ai quali ne ha permesso l’uso. I Servizi non possono essere utilizzati da bambini di età inferiore ai 13 anni senza la supervisione di un adulto.

Dà atto che Microsoft offre impostazioni per la gestione degli acquisti e per limitare l’accesso a materiale che potrebbe non essere adatto ai minori. Ad esempio, Microsoft offre “Impostazioni Familiari” sulla console Xbox 360, la console Xbox One e per alcuni componenti dei Servizi. L’utente potrà visualizzare o modificare le impostazioni specificate nell’applicazione delle impostazioni della console o all’indirizzo http://www.xbox.com/account. Ulteriori informazioni sulle impostazioni richieste da Microsoft sono disponibili all’indirizzo http://www.xbox.com/support.

L’utente potrà ricevere dati dettagliati sui profili, l’utilizzo e le attività dei minori che dispongono di un account associato che includeranno i giochi cui hanno partecipato, le applicazioni scaricate, i video (TV e film) che il minore ha guardato con Xbox Video, la musica riprodotta, le attività di esplorazione e ricerca effettuate (dall’interno dell’app Internet Explorer sulla console) e la cronologia di esecuzione (inclusi i reclami proposti da o nei confronti dell’utente dell’account associato, le sospensioni e le esclusioni dai Servizi). Potranno inoltre contenere la cronologia degli acquisti, le richieste di amicizia e gli elenchi di amici (incluse le connessioni alle applicazioni di social network), la cronologia delle comunicazioni (inclusi i messaggi e gli allegati) e l’utilizzo di applicazioni dei Servizi (incluso il contenuto visualizzato).

L’utente è responsabile di qualsiasi materiale accessibile o non accessibile tramite il proprio account dei Servizi (incluso in seguito all’utilizzo o al mancato utilizzo del Controllo Genitori). L’utente dà atto che l’utilizzo delle impostazioni di Microsoft non sostituisce la sorveglianza personale nei confronti dei minori che fanno uso dell’account dei Servizi.

Qualora l’utente utilizzi un account associato, dà atto che il titolare dell’account dei Servizi esercita un controllo completo sull’account associato dell’utente. Tale controllo prevede anche il diritto di: (i) porre termine ai Servizi, (ii) chiudere o modificare in qualsiasi momento l’account associato dell’utente, (iii) accedere e modificare il Controllo Genitori relativo all’account associato e (iv) ricevere comunicazioni da Microsoft. In alcuni casi questo controllo comprende anche il monitoraggio delle opzioni di acquisto effettuate dall’account associato dell’utente e la possibilità di richiedere e ricevere informazioni correlate a tale account in merito all’utilizzo del dispositivo e dei Servizi. Microsoft raccoglie dati sul profilo, l’utilizzo e le attività correlati all’account associato e li mette a disposizione del titolare dell’account dei Servizi. Qualora l’utente sia il titolare di un account associato, il presente Contratto disciplina l’utilizzo dei Servizi, ad eccezione dei seguenti Articoli: 1.8 (esclusa questa parte iniziale del paragrafo “Qualora l’utente utilizzi un account associato…,” che si applica agli utenti di account associati), 6 (Pagamento) e 15 (Comunicazioni alle Parti).

1.9 Vi sono operazioni non consentite con i Servizi? L’utente non dovrà utilizzare i Servizi per provocare danni a terzi o agli stessi Servizi. Ad esempio, l’utente non dovrà:

• utilizzare i Servizi per danneggiare, minacciare o vessare un’altra persona, organizzazione oppure Microsoft;

• danneggiare, disattivare, sovraccaricare né pregiudicare i Servizi (o qualsiasi rete o Dispositivo Autorizzato connesso ai Servizi);

• cedere, rivendere o ridistribuire qualsiasi parte dei Servizi né accedere ai Servizi, inclusa la vendita o l’acquisto di un account;

• condividere le password degli account né autorizzare terzi ad accedere o utilizzare i Servizi a proprio nome, a meno che Microsoft non fornisca una procedura approvata per fare ciò;

• consentire alle applicazioni di terzi non autorizzate di accedere ai Servizi;

• utilizzare i Servizi o qualsiasi contenuto presente sui Servizi per fini commerciali;

• utilizzare né tentare di utilizzare strumenti non autorizzati per modificare, reindirizzare oppure accedere ai Servizi;

• utilizzare qualsiasi servizio o processo automatizzato, come robot, spider, archiviazione periodica nella cache di informazioni memorizzate da Microsoft o “meta-searching”, per accedere o usare i Servizi oppure per duplicare o recuperare dati dei Servizi;

• ottenere né tentare di ottenere dati dei Servizi o dell’hardware correlato, ad eccezione dei dati che Microsoft intende rendere disponibili all’utente né

• utilizzare i Servizi o l’hardware correlato per progettare, sviluppare o aggiornare software non autorizzato;

• aumentare con mezzi fraudolenti il numero di giochi né in altro modo manipolare i Servizi, incluso l’utilizzo di uno script e/o tramite altri processi automatizzati;

• utilizzare software o hardware non autorizzato per accedere ai Servizi né modificare un Dispositivo Autorizzato con metodi non autorizzati, ad esempio tramite riparazioni, aggiornamenti o download non autorizzati. L’utente accetta che Microsoft abbia il diritto di inviare dati, applicazioni o altro contenuto a software o hardware utilizzato dall’utente per accedere ai Servizi con il preciso intento di rilevare modifiche non autorizzate e/o di disattivare il dispositivo modificato né

• tentare di disassemblare, decompilare, creare lavori derivati, modificare, concedere ulteriormente in sublicenza, distribuire o utilizzare per altri scopi i Servizi, i giochi, le applicazioni o altro contenuto disponibile o accessibile tramite i Servizi o l’eventuale hardware associato ai Servizi o a un Dispositivo Autorizzato. In tal caso, Microsoft potrà annullare l’account dell’utente e revocargli il permesso di accedere ai Servizi, nonché ricorrere ad altri rimedi legali. Microsoft potrà intraprendere qualsiasi azione legale che riterrà appropriata nei confronti degli utenti che violano i suoi sistemi o la protezione della rete, che sono inadempienti al presente Contratto o a eventuali condizioni aggiuntive incorporate o cui si fa riferimento in esso. Tali utenti potranno inoltre incorrere in sanzioni civili o penali.

2. Sommario

2.1. Chi è il proprietario del contenuto inserito nei Servizi? Microsoft non reclama la titolarità del contenuto che l’utente rende disponibile tramite i Servizi. Il contenuto dell’utente rimane di proprietà dell’utente. Microsoft non controlla, né verifica o approva il contenuto che l’utente e terzi rendono disponibile tramite i Servizi.

2.2. Chi può accedere al contenuto dell’utente? All’utente spetta il controllo di chi accede al contenuto. Qualora l’utente condivida contenuto in aree pubbliche dei Servizi o in aree condivise rese disponibili a terzi scelti, accetta che Microsoft e tali terzi, con cui ha condiviso il contenuto, lo possano utilizzare. Quando l’utente consente ad altri l’accesso al proprio contenuto sui Servizi, concede loro l’autorizzazione gratuita, non esclusiva di utilizzare, riprodurre, distribuire, visualizzare, trasmettere e comunicare al pubblico il contenuto esclusivamente in relazione ai Servizi. Qualora il contenuto inserito sia una fotografia o altra immagine digitale, l’utente rinuncia anche espressamente a qualsiasi diritto alla protezione dei dati personali e di pubblicità relativamente all’immagine. Per evitare che terzi abbiano tali diritti, l’utente non deve utilizzare i Servizi per condividere il contenuto.

Qualora l’utente invii una valutazione o un commento relativamente a un’applicazione che ha scaricato attraverso il Windows Phone Store, potrà ricevere un messaggio di posta elettronica da Microsoft con allegato contenuto proveniente dal fornitore dell’applicazione. Questi tipi di messaggi provengono da Microsoft; Microsoft non condivide gli indirizzi di posta elettronica degli utenti con i fornitori delle applicazioni che vengono scaricate tramite il Windows Phone Store/Marketplace. Qualora l’utente riceva un messaggio di questo tipo, può utilizzare il collegamento al suo interno per richiedere di non ricevere altri messaggi simili.

2.3. Quali operazioni effettua Microsoft sul contenuto? L’utente comprende che Microsoft potrebbe necessitare del contenuto pubblicato sui Servizi e con il presente documento l’utente concede a Microsoft e alle sue consociate, ai suoi rivenditori, distributori, provider di servizi, partner e/o fornitori il diritto di utilizzare, modificare, adattare, riprodurre, distribuire, pubblicare e visualizzare tale contenuto. Tale contenuto comprende il nome, il gamertag, il motto, l’avatar, il contenuto originale che l’utente fornisce insieme alle clip DVR dei Giochi oppure altre informazioni che l’utente mette a disposizione in relazione al contenuto. Tali diritti si applicano esclusivamente nella misura necessaria all’erogazione dei Servizi.

2.4. Quale tipo di contenuto non è consentito o è limitato? Non è consentito l’inserimento nei Servizi di contenuto non conforme al presente Contratto (che include i Criteri Microsoft Contro la Posta Indesiderata e il Codice di Comportamento Microsoft) o alla legge locale. Microsoft si riserva il diritto di rivedere il contenuto al fine di applicare il presente Contratto. Microsoft potrà bloccare o in altro modo impedire la consegna di qualsiasi tipo di contenuto, messaggio di posta elettronica, messaggio istantaneo o altra comunicazione destinata ai Servizi o proveniente da essi, al fine di proteggere i Servizi o le società oppure di applicare diversamente le condizioni del presente Contratto. L’utente dovrà rispettare i diritti di artisti, autori, inventori e creatori. Il contenuto potrà essere protetto da copyright. Le persone che appaiono nel contenuto potranno avere il diritto di controllare l’utilizzo delle loro immagini. Qualora l’utente condivida il contenuto presente nei Servizi in modo tale da violare i copyright di terzi, altri diritti di proprietà intellettuale o diritti proprietari oppure i diritti di pubblicità o i diritti alla protezione dei dati personali, sarà ritenuto inadempiente al presente Contratto (e violerà altri diritti e in qualche modo la legge). L’utente dichiara e garantisce di disporre di tutti i diritti necessari per concedere i diritti descritti nel presente Articolo. Dichiara e garantisce altresì che l’utilizzo del contenuto non viola alcuna legge. Microsoft non corrisponderà all’utente alcun pagamento per il contenuto. Microsoft potrà rifiutarsi di pubblicare il contenuto dell’utente per qualsiasi motivo o senza motivo. Microsoft potrà rimuovere il contenuto dai Servizi in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, qualora ad esempio ritenga che: (i) l’utente sia stato inadempiente al presente Contratto, (ii) il contenuto abbia superato i limiti di archiviazione o dimensione dei file, (iii) il contenuto sia stato fornito nel tentativo di manipolare le valutazioni o le classificazioni di eventuali applicazioni presenti nel Windows Phone Store/Marketplace o (iv) provvederà ad annullare o sospendere i Servizi.

2.5. Quali limitazioni si applicano all’accesso e all’utilizzo del contenuto di Microsoft e di terzi? L’accesso al contenuto di Microsoft e di terzi associato all’account dell’utente potrà essere disabilitato per qualsiasi motivo. Microsoft potrà anche rimuovere o disattivare giochi, applicazioni, contenuti o Servizi sul Dispositivo Autorizzato dell’utente allo scopo di proteggere i Servizi, i fornitori delle applicazioni, gli operatori della rete o qualsiasi altra parte interessata o potenzialmente interessata. Parte del contenuto e alcune delle applicazioni presenti nei Servizi potranno periodicamente non essere disponibili oppure potranno essere offerte solo per un periodo di tempo ristretto a causa di limitazioni contrattuali o di altro tipo, ad esempio la regione dell’Account dell’utente. Pertanto, l’utente potrebbe non essere in grado di eseguire di nuovo il download del contenuto o delle applicazioni né lo streaming di un determinato contenuto acquistato. Ad esempio, nel caso in cui l’utente trasferisca il proprio account in un’altra regione, è possibile che debba riacquistare il contenuto o le applicazioni già in suo possesso e che aveva pagato nella regione precedente. Fatti salvi i casi richiesti dalla legge applicabile, Microsoft non è tenuta a consentire un nuovo download o la sostituzione di un contenuto o di un’applicazione acquistata in precedenza. Qualora a Microsoft vengano comunicati dai proprietari del contenuto i giorni in cui il loro contenuto non sarà disponibile, Microsoft tenterà di condividere tale informazione con l’utente.

2.6. Chi è responsabile dei dati e del contenuto? L’utente è responsabile del backup dei dati e del contenuto che memorizza sui Servizi. In caso di sospensione o annullamento dei Servizi, Microsoft potrà eliminare i dati e il contenuto dell’utente in modo definitivo dai server. Microsoft non è tenuta a restituire i dati e il contenuto all’utente dopo la sospensione o l’annullamento dei Servizi. Qualora i dati e il contenuto vengano memorizzati con una data di scadenza, Microsoft potrà eliminare i dati e il contenuto anche in quella data. I dati e il contenuto eliminati non potranno essere recuperati.

3. Annullamento dei servizi

3.1. Quali sono le conseguenze di una violazione del presente Contratto? In caso l’utente violi il presente Contratto, Microsoft potrà intraprendere azioni contro l’utente tra cui, a titolo esemplificativo, la rimozione del contenuto dell’utente dai Servizi, la sospensione o l’annullamento dell’accesso dell’utente ai Servizi, la richiesta di astensione dell’utente da determinate attività, il blocco dell’accesso ai Servizi da parte della console o del dispositivo dell’utente e/o la denuncia della violazione alle autorità appropriate. Nell’eventualità di un’azione legale nei confronti dell’utente per una violazione del presente Contratto, Microsoft potrà eliminare in modo definitivo, e l’utente potrà in modo definitivo perdere, alcune o tutte le informazioni o i contenuti associati all’account Microsoft dell’utente e/o Microsoft potrà annullare completamente i Servizi dell’utente. Il contenuto eliminato non potrà più essere recuperato.

3.2. Vi sono altri modi in cui l’utente può perdere l’accesso ai Servizi? Sì. Qualora l’utente sottoscriva una parte a pagamento dei Servizi e non effettui puntualmente il pagamento, Microsoft potrà sospendere o annullare il Servizio (ulteriori informazioni sono disponibili nell’Articolo 6.1).

3.3. Come è possibile interrompere i Servizi? L’utente potrà interrompere i Servizi in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo. Per fare ciò l’utente può visitare l’indirizzo http://support.xbox.com/billing-and-subscriptions/account-management/xbox-live-account-management e attenersi alla procedura di chiusura dell’account visualizzata. Per annullare una parte a pagamento dei Servizi, l’utente potrà fare riferimento all’Articolo 6.10. Qualora l’utente annulli i Servizi, il modo più rapido per eliminarne il contenuto è rimuoverlo manualmente dai vari componenti (ad esempio, eliminando manualmente la posta elettronica). Tuttavia, anche nel caso in cui il contenuto eliminato o associato a un account chiuso possa non essere più disponibile all’utente, rimarrà nei sistemi Microsoft per un certo periodo di tempo.

3.4. Che cosa accade nel caso in cui i Servizi dell’utente vengano annullati o interrotti? Qualora i Servizi siano stati annullati o interrotti (dall’utente o da Microsoft), il diritto dell’utente di utilizzarli decade immediatamente. Qualora i Servizi dell’utente vengano annullati o interrotti, Microsoft potrà eliminare dai propri server in modo definitivo le informazioni associate all’account dell’utente, incluso il contenuto, senza alcuna obbligazione di restituzione.

4. Diritto alla Protezione dei Dati Personali

CRYTEK protegge la privacy dell’Utente. Nelle Informative sulla Privacy per i Servizi (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=259655) e Windows Phone (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=247437) viene descritto il modo in cui Microsoft tratta e protegge il contenuto dell’utente e le informazioni sull’utente che raccoglie. Il presente Contratto incorpora le Informative sulla Privacy per riferimento. Utilizzando i Servizi o accettando le presenti condizioni, l’utente acconsente alla raccolta, al trattamento e alla divulgazione, da parte di Microsoft, del proprio contenuto e delle proprie informazioni secondo le modalità descritte nelle Informative sulla Privacy.

5. Interruzioni dei Servizi e backup

Microsoft si impegna a mantenere i Servizi attivi e funzionanti. Tuttavia, tutti i servizi online subiscono occasionali interruzioni e Microsoft non potrà essere considerato responsabile di tali eventuali interruzioni né delle possibili conseguenti perdite. L’utente è invitato a eseguire backup periodici del contenuto archiviato nei Servizi. Attenendosi a un piano di backup regolare è possibile evitare la perdita di contenuto.

6. Le seguenti condizioni si applicano agli utenti di servizi a pagamento Microsoft

6.1. Costi. Qualora a una parte dei Servizi sia associato un costo, l’utente accetta di corrisponderne il pagamento. Il prezzo stabilito per il Servizio esclude tutte le imposte applicabili e gli accordi relativi ai cambi di valuta, salvo quanto diversamente specificato. L’utente è responsabile solamente del pagamento di tali imposte o di altri costi. Qualora l’utente non rispetti tutte le scadenze di pagamento, Microsoft potrà sospendere o annullare i Servizi. Qualora i Servizi vengano sospesi o annullati per mancato pagamento, l’utente non sarà più in grado di accedere o utilizzare l’account né il relativo contenuto.

6.2. Account di fatturazione dell’utente. Al momento della sottoscrizione di un Servizio a pagamento all’utente verrà chiesto di indicare un metodo di pagamento per tale Servizio. L’utente può accedere e cambiare le informazioni sull’account di fatturazione e sul metodo di pagamento sul sito Web Gestione Account e Fatturazioni (https://commerce.microsoft.com). L’utente accetta inoltre di consentire a Microsoft di utilizzare le informazioni dell’account aggiornate relativamente al metodo di pagamento fornito dalla banca di appoggio o dalla rete di pagamento applicabile. L’utente accetta di mantenere sempre aggiornate le informazioni del proprio account di fatturazione e di contatto. Le modifiche apportate all’account di fatturazione non avranno effetto sui costi addebitati sull’account di fatturazione del licenziatario prima che Microsoft possa ragionevolmente dar corso alla richiesta di modifica delle informazioni sull’account di fatturazione.

6.3. Fatturazione. Indicando a Microsoft un metodo di pagamento, l’utente (i) garantisce di essere autorizzato a utilizzare il metodo di pagamento indicato e che tutte le informazioni fornite sono vere e accurate, (ii) autorizza Microsoft ad addebitare i Servizi utilizzando il metodo di pagamento indicato e (iii) autorizza Microsoft ad addebitare ogni funzionalità a pagamento dei Servizi che l’utente sceglie di sottoscrivere o utilizzare finché il presente Contratto è in vigore. Microsoft potrà emettere fattura (a) in anticipo, (b) al momento dell’acquisto, (c) immediatamente dopo l’acquisto oppure (d) su base ricorrente per i Servizi di abbonamenti. Microsoft potrà inoltre addebitare l’importo approvato e comunicare in anticipo all’utente eventuali variazioni dell’importo da corrispondere per i Servizi di abbonamenti ricorrenti. Contemporaneamente Microsoft potrà emettere fattura per più periodi di fatturazione relativamente a importi che non sono stati elaborati in precedenza.

6.4. Rinnovo automatico. A condizione che l’opzione di rinnovo automatico sia consentita nel paese dell’utente, prima di procedere con il rinnovo automatico dei Servizi, Microsoft informerà l’utente tramite posta elettronica. Dopo aver informato l’utente che i Servizi verranno rinnovati automaticamente, Microsoft potrà procedere con l’operazione e addebitare il prezzo appropriato. Microsoft ricorderà inoltre all’utente che fatturerà il rinnovo dei Servizi in base al metodo di pagamento prescelto, indipendentemente dal fatto che sia già noto al momento del rinnovo o che venga fornito successivamente. Microsoft fornirà all’utente le istruzioni su come annullare i Servizi. L’utente dovrà annullare i Servizi prima della data di rinnovo per evitare che vengano fatturati per un ulteriore periodo.

6.5. Estratto conto online ed errori. Microsoft fornirà all’utente un estratto conto online tramite il sito Web Gestione Account e Fatturazioni (https://commerce.microsoft.com), da cui l’utente potrà visualizzarlo e stamparlo. È l’unico estratto conto che Microsoft fornisce. È responsabilità dell’utente stampare o salvare una copia di ogni estratto conto e conservare tale copia per documentazione. L’eventuale segnalazione di un errore sulla fattura dovrà essere effettuata dall’utente a Microsoft entro 120 giorni dalla comparsa per la prima volta dell’errore sulla fattura. Microsoft controllerà immediatamente l’importo. Nel caso in cui l’errore non venga segnalato a Microsoft nei tempi previsti, Microsoft non potrà essere ritenuta responsabile delle eventuali perdite risultanti dall’errore né sarà tenuta a correggere l’errore o a fornire un rimborso. Nel caso in cui Microsoft abbia rilevato un errore di fatturazione, provvederà a correggerlo entro 90 giorni.

6.6. Periodo di ripensamento. Quando l’utente richiede un Servizio a Microsoft, accetta che Microsoft possa iniziare a erogarlo subito. L’utente avrà diritto a un periodo di annullamento o “ripensamento”, solo nel caso in cui sia previsto dalla legge. L’utente potrà annullare i Servizi a pagamento come stabilito all’Articolo 7.10.

6.7. Offerta di periodi di valutazione. Qualora l’utente partecipi a un’offerta per un periodo di prova, dovrà annullare i Servizi entro la fine di tale periodo per evitare di dover sostenere nuovi costi, se non diversamente comunicato. Qualora l’utente non annulli i Servizi al termine del periodo di prova, Microsoft potrà addebitargli il relativo costo.

6.8. Modifiche ai prezzi. Il prezzo dei Servizi potrà essere modificato da Microsoft in qualsiasi momento. L’eventuale modifica verrà comunicata all’utente per posta elettronica almeno 15 giorni prima che venga apportata. Qualora l’utente non accetti la modifica del prezzo, dovrà annullare e interrompere l’utilizzo dei Servizi prima dell’entrata in vigore del nuovo prezzo. Qualora l’offerta dei Servizi preveda un prezzo fisso, tale prezzo rimarrà in vigore per il periodo di validità.

6.9. Criteri di rimborso. Fatto salvo quanto previsto dalla legge applicabile o da una particolare offerta di Servizi, tutti gli acquisti sono definitivi e non rimborsabili.

6.10. Annullamento dei Servizi. L’utente può annullare i Servizi in qualsiasi momento, con o senza motivo. Informazioni e istruzioni su come annullare i Servizi sono disponibili sul sito Web Gestione Account e Fatturazioni (https://commerce.microsoft.com). L’utente dovrà fare di nuovo riferimento all’offerta relativa ai Servizi, poiché (i) potrebbe non ricevere alcun rimborso al momento dell’annullamento, (ii) potrebbe essere obbligato a pagare i costi di annullamento, (iii) potrebbe essere obbligato a pagare tutti i costi addebitati sul proprio account di fatturazione per i Servizi prima della data di annullamento oppure (iv) potrebbe non essere più in grado di accedere e utilizzare l’account dopo avere annullato i Servizi. Qualora l’utente annulli i Servizi, essi termineranno alla scadenza del periodo di validità oppure, qualora l’account venga fatturato su base periodica, alla scadenza del periodo in cui l’utente ha richiesto l’annullamento.

6.11. Ritardi nei pagamenti. Tutti i costi sostenuti da Microsoft per la riscossione degli importi scaduti sono a carico dell’utente e possono includere spese legali esposte in misura ragionevole e altri corrispettivi e costi legali.

6.12. Pagamenti all’utente. In caso di debito di Microsoft nei confronti del licenziatario, il licenziatario accetta di fornire a Microsoft in modo puntuale e accurato tutte le informazioni necessarie per l’esecuzione del pagamento relativo. L’utente sarà responsabile di eventuali imposte e oneri relativi al pagamento ricevuto. Dovrà inoltre conformarsi a eventuali altre condizioni di Microsoft per ottenere il diritto di ricevere i pagamenti. Microsoft potrà annullare un eventuale pagamento effettuato per sbaglio all’utente o richiederne la restituzione. L’utente accetta di collaborare con Microsoft per provvedere alla restituzione. Microsoft potrà anche ridurre, senza preavviso, il pagamento corrisposto all’utente al fine di compensare un eventuale precedente pagamento in eccesso.

6.13. Carte Regalo. Il riscatto e l’utilizzo di carte regalo sono disciplinati dalle condizioni che si trovano all’indirizzo https://commerce.microsoft.com/PaymentHub/Help/Show/toc_link_no_62.

6.14. Servizi di accesso a Internet e costi. L’utente è tenuto a pagare i costi addebitati dal suo provider di accesso a Internet o Wi-Fi. Tali costi sono da ritenersi in aggiunta a quelli stabiliti per i Servizi. Qualora l’utente acceda ai Servizi tramite dispositivi wireless (ad esempio, telefoni cellulari e tablet), il gestore telefonico wireless potrà addebitare corrispettivi per gli avvisi, l’esplorazione del Web, i messaggi e l’utilizzo dei dati sulla rete wireless del gestore. L’utente potrà verificare presso il proprio gestore telefonico i corrispettivi di questo tipo applicabili. L’utente sarà l’unico responsabile di eventuali costi relativi all’accesso ai Servizi tramite qualsiasi servizio wireless o altro servizio di comunicazione.

7. ARBITRATO VINCOLANTE E RINUNCIA ALL’AZIONE DI CLASSE NEL CASO IN CUI L’UTENTE RISIEDA NEGLI STATI UNITI

IL PRESENTE ARTICOLO SI APPLICA A QUALSIASI CONTROVERSIA AD ECCEZIONE DI QUELLE RELATIVE ALLA TUTELA O ALLA VALIDITÀ DEI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE DELL’UTENTE, DEI LICENZIANTI DELL’UTENTE, DI MICROSOFT O DEI LICENZIANTI DI MICROSOFT. Il termine “controversia” indica qualsiasi controversia, azione legale o altro tipo di disputa tra l’utente e Microsoft relativa ai Servizi (incluso il prezzo degli stessi) o al presente Contratto, in relazione al contratto, alla garanzia, a illecito civile, normative, regolamenti, ordinanze o a qualsiasi altro fondamento giuridico. Al termine “controversia” si attribuirà il significato più ampio possibile ammesso per legge.

7.1 Comunicazione di Controversia. Nell’eventualità di una controversia l’utente o Microsoft dovrà fornire all’altra parte una Comunicazione di Controversia che consiste in una dichiarazione scritta recante il nome, l’indirizzo e le informazioni di contatto della parte che effettua la comunicazione e una descrizione dei fatti che hanno dato origine alla controversia e del rimedio richiesto. L’utente dovrà inviare eventuali Comunicazioni di Controversia tramite il servizio postale statunitense e indirizzarle all’attenzione di Microsoft Corporation: LCA ARBITRATION, One Microsoft Way, Redmond, WA 98052-6399, U.S.A. Un modulo è disponibile sul sito Web Legal and Corporate Affairs (LCA) all’indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=245499. Microsoft invierà eventuali Comunicazioni di Controversia tramite il servizio postale statunitense all’indirizzo dell’utente, se disponibile, o al relativo indirizzo di posta elettronica. L’utente e Microsoft tenteranno di risolvere le controversie tramite negoziazione informale entro 60 giorni dalla data di invio della Comunicazione di Controversia. Dopo 60 giorni l’utente o Microsoft potrà istituire l’arbitrato.

7.2 Tribunale per le cause minori. Qualora una controversia soddisfi tutti i requisiti per essere esaminata da un tribunale per le cause minori, potrà anche essere condotta presso il tribunale per le cause minori del distretto di residenza o di King County, Washington, U.S.A. L’utente potrà promuovere una controversia presso il tribunale per le cause minori sia che questa sia stata previamente trattata per vie informali, sia che non lo sia stata.

7.3 Arbitrato vincolante. Nel caso in cui l’utente e Microsoft non siano in grado di risolvere una controversia per vie informali o presso il tribunale delle cause minori, la controversia dovrà essere risolta esclusivamente tramite arbitrato vincolante disciplinato ai sensi della Legge sull’Arbitrato Federale (Federal Arbitration Act o “FAA”). Il licenziatario rinuncia al diritto di promuovere qualsiasi controversia (o di partecipare ad essa in qualità di parte o membro di classe) in tribunale davanti a un giudice o a una giuria. Le controversie saranno invece risolte davanti a un arbitro neutrale, la cui decisione sarà definitiva, eccetto che per un limitato diritto di appello ai sensi del FAA. Qualsiasi tribunale con giurisdizione sulle parti potrà applicare il lodo arbitrale.

7.4 Rinuncia all’azione di classe. Qualsiasi procedimento legale inteso a risolvere o promuovere una controversia in qualsivoglia tribunale sarà condotto unicamente su base individuale. Né l’utente né Microsoft cercheranno di condurre un’eventuale controversia come azione di classe, azione legale collettiva o qualsiasi altro procedimento che preveda che una delle parti agisca o intenda agire in funzione di rappresentante. Non si promuoveranno arbitrati o procedimenti giudiziari congiunti senza il previo consenso scritto di tutte le parti interessate negli arbitrati o nei procedimenti giudiziari in questione.

7.5 Procedura di arbitrato. Tutti gli arbitrati verranno affidati all’American Arbitration Association (“AAA”) in conformità alle relative Regole di Arbitrato Commerciale. Qualora l’utente sia una persona fisica e utilizzi i Servizi per uso personale o domestico o nel caso in cui il valore della controversia sia pari o inferiore a 75.000 USD, indipendentemente dal fatto che l’utente sia una persona fisica o dalla modalità di utilizzo dei Servizi, si applicheranno anche le Procedure Supplementari per le Controversie relative ai Consumatori. Per ulteriori informazioni, l’utente potrà visitare il sito www.adr.org oppure contattare il numero 1-800-778-7879. Per istituire un arbitrato, l’utente dovrà inviare all’AAA il modulo disponibile sul sito Web Legal and Corporate Affairs (LCA), all’indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=245497. L’utente accetta di istituire un arbitrato esclusivamente nel proprio Paese di residenza o a King County, Washington, U.S.A. Microsoft accetta di istituire un arbitrato esclusivamente nel Paese di residenza dell’utente. L’utente potrà richiedere un’udienza telefonica o di persona seguendo le regole AAA. Per le controversie non superiori a 10.000 USD l’udienza sarà telefonica, a meno che l’arbitro non ritenga ragionevole parlare di persona. L’arbitro potrà liquidare all’utente gli stessi danni che il tribunale liquiderebbe. Ha la facoltà di concedere all’utente un provvedimento di accertamento o dell'autorità giudiziaria esclusivamente nella misura necessaria a soddisfare il reclamo personale di quest’ultimo.

7.6 Spese di arbitrato e incentivi.

7.6.1 Controversie relative a un importo pari o inferiore a 75.000 USD. Microsoft rimborserà tempestivamente le tasse di deposito dell’utente e pagherà le spese e i corrispettivi relativi all’arbitrato e all’AAA. Nel caso in cui l’utente respinga l'ultima offerta scritta di accordo transattivo eseguita prima della nomina dell’arbitro (“ultima offerta scritta di Microsoft”), la controversia dell’utente giunga a sentenza arbitrale (definita “lodo”) e l’arbitro conceda all’utente più di quanto indicato nell’ultima offerta scritta di Microsoft, Microsoft fornirà all’utente tre incentivi: (1) pagherà gran parte del lodo o 1.000 USD, (ii) pagherà il doppio delle eventuali spese legali ragionevoli e (iii) rimborserà le eventuali spese (tra cui le tasse e i costi per le testimonianze dei periti) che il legale dell’utente avrà sostenuto per le indagini, la preparazione e l’istituzione dell’arbitrato in cui ha proposto il reclamo dell’utente. L’importo delle tasse, dei costi e delle spese verrà fissato dall’arbitro a meno che non venga concordato tra l’utente e Microsoft.

7.6.2 Controversie relative a un importo superiore a 75.000 USD. Le regole AAA disciplineranno il pagamento delle spese di notificazione e delle spese e dei corrispettivi dell’AAA e dell’arbitro.

7.6.3 Controversie relative ad altri importi. Per qualsiasi arbitrato istituito dall’utente, Microsoft cercherà di ottenere il rimborso delle spese e dei corrispettivi relativi all’AAA e all’arbitrato o delle tasse di deposito dell’utente, solo nel caso in cui l’arbitro stabilisca che la procedura di arbitrato sia futile o sia stata istituita per scopi impropri. Per qualsiasi arbitrato istituito da Microsoft, Microsoft rimborserà tutte le spese e i corrispettivi relativi al deposito, all’AAA e all’arbitrato. In nessun tipo di arbitrato Microsoft pretenderà che le spese legali vengano pagate dall’utente. I corrispettivi e le spese non vengono presi in considerazione quando si definisce l’importo di una controversia.

7.7 Discrepanza rispetto alle regole AAA. Il presente Contratto ha prevalenza in caso di discrepanza rispetto alle Norme sull’Arbitrato Commerciale e alle Procedure Supplementari per le Controversie relative ai Consumatori dell’AAA.

7.8 I Reclami o le controversie devono essere presentate entro un anno. Nella misura massima consentita dalla legge, qualsiasi reclamo o controversia ai sensi dell’Articolo 7 dovrà essere presentata entro un anno al tribunale per le cause minori (Articolo 7.2) o all’arbitrato (Articolo 7.3). L’anno ha inizio in corrispondenza della data in cui sorge il diritto di presentare il reclamo o la Comunicazione di Controversia. Qualora il reclamo o la controversia non venga presentata entro un anno, non potrà più essere presentata successivamente.

7.9 Rifiuto di modifiche successive all’arbitrato. L’utente potrà rifiutare qualsiasi modifica apportata da Microsoft all'Articolo 7 (ad eccezione delle modifiche agli indirizzi) inviando a Microsoft una comunicazione entro 30 giorni a partire dalla modifica mediante il servizio postale statunitense all’indirizzo indicato nell’Articolo 7.1. In tal caso si applica la versione più recente dell'Articolo 7 anteriore alla modifica respinta dall’utente.

7.10 Validità delle disposizioni contrattuali. Nel caso in cui la rinuncia all’azione di classe indicata all’Articolo 10.4 sia illegale o non attuabile relativamente a una controversia o a una sua parte, l’Articolo 7 non si applicherà a tali parti. Tali parti saranno, quindi, isolate e trattate in tribunale, mentre le parti rimanenti saranno trattate mediante una procedura di arbitrato. Nel caso in cui qualsiasi altra disposizione dell’Articolo 7 sia illegale o non attuabile, tale disposizione verrà eliminata mentre la parte rimanente dell’Articolo 7 resterà pienamente vincolante ed efficace.

8. ESCLUSIONE di garanzie

MICROSOFT E LE SUE CONSOCIATE, I SUOI RIVENDITORI, DISTRIBUTORI E FORNITORI NON RILASCIANO ALCUNA GARANZIA, ESPRESSA O IMPLICITA, NÉ CONDIZIONE RELATIVAMENTE ALL’UTILIZZO DEI SERVIZI DA PARTE DELL’UTENTE. L’UTENTE COMPRENDE CHE L’UTILIZZO DEI SERVIZI È A PROPRIO RISCHIO E CHE MICROSOFT FORNISCE I SERVIZI “COME SONO”, “CON TUTTI I POSSIBILI DIFETTI” E “COME DISPONIBILI”. MICROSOFT NON GARANTISCE L’ACCURATEZZA NÉ LA TEMPESTIVITÀ DELLE INFORMAZIONI DISPONIBILI TRAMITE I SERVIZI. Nella misura massima consentita dalla legge locale, Microsoft esclude eventuali garanzie implicite, incluse le garanzie di commerciabilità (qualità non inferiore alla media), qualità soddisfacente, adeguatezza per uno scopo specifico, perizia e non violazione di diritti di terzi. All’utente potranno essere concessi determinati diritti ai sensi della legge locale. Nessuna disposizione contenuta nel presente Contratto ha lo scopo di intaccare tali diritti, qualora siano applicabili.

L’UTENTE DÀ ATTO CHE i sistemi informatici e di telecomunicazione non sono a tolleranza d’errore e che si verificano tempi di inattività. Microsoft non garantisce che il Servizio sarà ininterrotto, puntuale, sicuro o esente da errori né che non si verificheranno perdite di CONTENUTO.

QUALORA L’UTENTE UTILIZZI UNA CONSOLE XBOX ONE, UNA CONSOLE XBOX 360, UN ACCESSORIO XBOX O IL SENSORE KINECT AL DI FUORI DI UN PAESE SUPPORTATO, MICROSOFT È TENUTO A EROGARE IL SERVIZIO SOLO NEL PAESE O NEI PAESI INDICATI NELLA GARANZIA. MICROSOFT NON È RESPONSABILE E IL PRODOTTO XBOX O KINECT POTRÀ ESSERE ESCLUSO DALLA COPERTURA E DAL SUPPORTO AL DI FUORI DEL PAESE O DEI PAESI INDICATI NELLA GARANZIA.

9. Limitazione di Responsabilità

Qualora Microsoft violi il presente Contratto, l’utente accetta che il rimedio esclusivo sia di ottenere il risarcimento da Microsoft o da eventuali consociate, rivenditori, distributori e fornitori dei soli danni diretti per un importo totale massimo pari alla tariffa mensile per i Servizi applicata all’utente (o a 10,00 USD se i Servizi sono gratuiti). L’utente non potrà richiedere il risarcimento di eventuali altri danni o perdite, inclusi, a titolo esemplificativo, i danni consequenziali, speciali, indiretti, morali o per lucro cessante. Tali limitazioni ed esclusioni si applicano anche nel caso in cui l’utente non venga risarcito completamente delle perdite subite, non raggiunga il suo scopo essenziale o nel caso in cui Microsoft fosse informata o avrebbe dovuto essere informata della possibilità del verificarsi di tali danni. Nella misura massima consentita dalla legge, le limitazioni e le esclusioni si applicano a qualsiasi aspetto relativo al presente Contratto, ad esempio alla perdita di contenuto, a virus che impediscono l’utilizzo dei Servizi, a ritardi o errori nell’avvio o nel completamento di trasmissioni o transazioni, a reclami relativi a inadempimento contrattuale, a garanzie o condizioni, a responsabilità oggettiva, negligenza, falsa rappresentazione o omissione, a trasgressione, a violazione di legge o regolamento o ad arricchimento indebito. ALCUNE O TUTTE LE LIMITAZIONI O LE ESCLUSIONI DI CUI SOPRA NON POTRANNO ESSERE APPLICABILI ALL’UTENTE NEL CASO IN CUI IL PAESE DELL’UTENTE NON CONSENTA L’ESCLUSIONE O LA LIMITAZIONE DI DANNI INCIDENTALI, CONSEQUENZIALI O DI ALTRI DANNI.

10. Persona giuridica Microsoft contraente, foro competente e legge applicabile

La società contraente è Microsoft Corporation, One Microsoft Way, Redmond, WA 98052, Stati Uniti e il presente Contratto sarà disciplinato e interpretato in base alle leggi dello Stato di residenza e tali leggi si applicheranno ai reclami aventi ad oggetto gli inadempimenti contrattuali e a tutti gli altri reclami, inclusi quelli aventi ad oggetto inadempimenti della normativa a tutela dei consumatori, inadempimenti delle norme in materia di concorrenza sleale e l’illecito civile, indipendentemente dai principi che regolano il conflitto di leggi. L’utente e Microsoft accettano irrevocabilmente la giurisdizione esclusiva dei tribunali nazionali o federali di King County, Washington, per tutte le controversie derivanti da o correlate al presente Contratto o ai Servizi citati in giudizio (non è consentito l’arbitrato né il tribunale per le cause minori).

11. Siti Web di terzi

L’utente potrà accedere tramite i Servizi o le applicazioni scaricate tramite i Servizi a siti Web o servizi di terze parti. Microsoft non è responsabile del materiale, dei siti Web o dei servizi di terzi disponibili tramite tali servizi di terzi. L'utente è l'unico responsabile dei rapporti che intrattiene con terzi (inclusi gli inserzionisti): L'utilizzo da parte dell'utente di siti Web o servizi di terzi potrà essere soggetto alle condizioni di tali terzi.

12. DRM

Qualora l’utente acceda a contenuto protetto da DRM (Digital Rights Management), il software DRM potrà richiedere automaticamente i diritti sull’utilizzo dei supporti multimediali a un server dei diritti online, nonché scaricare e installare gli aggiornamenti DRM disponibili per consentire all’utente di riprodurre il materiale.

13. Estensione della Validità Temporale di Alcune Disposizioni

Gli Articoli 4, 6 (per importi stabiliti prima della scadenza del presente Contratto), 8, 9, 10, 16 e gli Articoli che, in base alle relative condizioni, si applicano dopo la scadenza del presente Contratto resteranno in vigore dopo la risoluzione o l’annullamento del medesimo.

14. Cessione e trasferimento

Microsoft potrà cedere il presente Contratto, interamente o in parte, in qualsiasi momento e senza alcuna comunicazione all’utente. L’utente non potrà cedere il presente Contratto né trasferire i diritti sull’utilizzo dei Servizi.

15. Comunicazioni alle parti

L’utente acconsente che Microsoft possa fornirgli le comunicazioni sui Servizi o le informazioni necessarie per legge tramite posta elettronica all’indirizzo specificato al momento dell’iscrizione ai Servizi. Le comunicazioni inviate all’utente tramite posta elettronica verranno considerate inviate e ricevute quando il messaggio verrà trasmesso. Qualora l’utente non dia il proprio consenso alla ricezione di tali comunicazioni in formato elettronico, dovrà interrompere l’utilizzo dei Servizi. L’utente potrà comunicare con Microsoft secondo la procedura indicata nella pagina del supporto tecnico dei Servizi.

16. Interpretazione del Contratto

Il presente Contratto costituisce l’intero accordo tra l’utente e Microsoft in relazione all’utilizzo dei Servizi e prevale su qualsiasi Contratto tra l’utente e Microsoft relativo all’utilizzo dei Servizi. Tutte le clausole del presente Contratto sono applicabili nella misura massima consentita dalla legge applicabile. Qualora un tribunale o un arbitro possa ritenere non attuabile una parte del presente Contratto così com’è scritta, tali condizioni verranno sostituite con condizioni simili e attuabili nella misura ammessa dalla legge applicabile, ma la parte restante del Contratto non subirà variazioni. L’Articolo 7.10 illustra ciò che accade qualora alcune parti dell’Articolo 7 (arbitrato e rinuncia all’azione di classe) siano illegali o non attuabili. In caso di discrepanza tra il presente Articolo e l’articolo 7.10, quest’ultimo avrà la prevalenza.

17. Assenza di terzi beneficiari

I beneficiari del presente Contratto sono unicamente l’utente e Microsoft. Si intendono quindi esclusi gli altri soggetti, ad eccezione degli aventi causa e dei cessionari di Microsoft.

18. Supporto

Microsoft non offre supporto tecnico per i Servizi, se non diversamente specificato nel presente Contratto o nel materiale pubblicato relativo a un particolare componente dei Servizi. Ulteriori informazioni sul supporto tecnico sono disponibili all’indirizzo http://www.xbox.com/support o http://www.windowsphone.com.

19. Limitazioni relative all’Esportazione

Il software e i servizi gratuiti Microsoft sono soggetti alle leggi in materia di esportazioni e tecnologia degli Stati Uniti e di altre giurisdizioni e l’utente accetta di adempiere a tutte le leggi e normative relative, applicabili al software e/o ai servizi. Per il trasferimento di tale software e servizi gratuiti in qualsiasi paese soggetto a embargo o a determinati soggetti vietati è richiesta l’autorizzazione del governo degli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni, l’utente potrà visitare il sito Web del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=243206). Inoltre, i servizi a pagamento sono soggetti alle leggi e ai regolamenti degli Stati Uniti in materia di esportazione ai quali l’utente deve conformarsi. Tali leggi includono limitazioni circa le destinazioni, gli utenti finali e l’utilizzo finale. Per ulteriori informazioni, l’utente potrà visitare il sito Web per l’esportazione dei prodotti Microsoft all’indirizzo http://www.microsoft.com/exporting.

20. COMUNICAZIONI

20.1 Comunicazioni e procedura per proporre reclami per violazione della proprietà intellettuale. Microsoft rispetta i diritti di proprietà intellettuale di terzi. Qualora l’utente desideri inviare una comunicazione di violazione di proprietà intellettuale, che includa i reclami aventi ad oggetto la violazione del copyright, dovrà attenersi alle procedure di Microsoft per l’invio di Comunicazioni di Violazione (https://www.microsoft.com/info/cpyrtInfrg.aspx). TUTTE LE RICHIESTE CHE NON SONO PERTINENTI A TALE PROCEDURA NON RICEVERANNO RISPOSTA.

Microsoft utilizza la procedura stabilita ai sensi del Titolo 17, Codice degli Stati Uniti, Articolo 512(c)(2) per rispondere a comunicazioni relative a violazioni del copyright. In alcune circostanze Microsoft potrà anche disattivare o risolvere gli account di utenti dei servizi di Microsoft che potrebbero essere trasgressori ricorrenti.

20.2 Comunicazioni e procedure relative a dubbi sulla proprietà intellettuale negli annunci pubblicitari dei Siti Sponsorizzati. L’utente potrà prendere visione delle Linee Guida sulla Proprietà Intellettuale di Microsoft (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=243207) relative a dubbi sulla proprietà intellettuale nella rete pubblicitaria.

20.3 Informazioni sul copyright e i marchi. Tutte le parti dei Servizi sono Copyright © 2013 Microsoft Corporation e/o i suoi fornitori, One Microsoft Way, Redmond, WA 98052, USA. Tutti i diritti sono riservati. Microsoft o i suoi fornitori sono i proprietari del nome, del copyright e di altri diritti sulla proprietà intellettuale relativamente ai Servizi e al contenuto. Microsoft e i nomi, i logo e le icone di tutti i prodotti, software e servizi Microsoft potranno essere marchi o marchi registrati di Microsoft negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. I nomi di prodotti e società reali potranno essere marchi dei rispettivi proprietari. Eventuali diritti non espressamente concessi nel presente Contratto sono riservati. Alcuni prodotti software utilizzati su determinati server dei siti Web Microsoft si basano in parte sul lavoro dell’Independent JPEG Group. Copyright © 1991 -1996 Thomas G. Lane. Tutti i diritti sono riservati. Il software “gnuplot” utilizzato in alcuni server dei siti Web di Microsoft ha copyright © 1986-1993 Thomas Williams, Colin Kelley. Tutti i diritti sono riservati. Copyright © parti 2012 Netflix, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

20.4 Comunicazione relativa agli Standard Video H.264/AVC e VC-1. Il software potrà includere la tecnologia di decodifica video H.264/MPEG-4 AVC e/o VC-1. MPEG LA, L.L.C. richiede la seguente comunicazione:

IL PRESENTE PRODOTTO È CONCESSO IN LICENZA AI SENSI DELLE LICENZE PER IL PORTAFOGLIO DI BREVETTI AVC E VC-1 PER L’UTILIZZO PERSONALE E NON COMMERCIALE DA PARTE DI UN CONSUMATORE AL FINE DI (A) CODIFICARE VIDEO IN CONFORMITÀ AGLI STANDARD (“STANDARD VIDEO”) OPPURE (B) DECODIFICARE IL VIDEO AVC E VC-1 CODIFICATO DA UN CONSUMATORE IMPEGNATO IN UN’ATTIVITÀ PERSONALE E NON COMMERCIALE E/O RICEVUTO DA UN FORNITORE DI VIDEO AUTORIZZATO A FORNIRE TALE VIDEO. LE LICENZE NON SI ESTENDONO AD ALCUN ALTRO PRODOTTO, ANCHE SE TALE PRODOTTO È INCLUSO NEL PRESENTE SOFTWARE IN UN ARTICOLO SINGOLO. NESSUNA LICENZA VIENE CONCESSA O SARÀ IMPLICITA PER QUALSIASI ALTRO UTILIZZO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI RIVOLGERSI A MPEG LA, L.L.C. OPPURE VISITARE IL SITO WEB (http://www.mpegla.com).

Per maggiore chiarezza, tale comunicazione non limita né vieta l’utilizzo del software fornito ai sensi del presente Contratto per i normali utilizzi commerciali che siano propri dell’attività commerciale svolta e non includano (i) la ridistribuzione del software a terzi o (ii) la creazione di materiale con tecnologie conformi agli STANDARD VIDEO per la distribuzione a terzi.

Di seguito sono descritte le condizioni aggiuntive applicabili a Xbox Live e Games for Windows-Live:

Microsoft necessita di alcune autorizzazioni per permettere all’utente di valutare o utilizzare le caratteristiche e le funzioni del servizio Xbox Live/Games for Windows-Live. Microsoft stessa deve disporre delle medesime autorizzazioni per attivare tali caratteristiche e funzioni. Tali caratteristiche e funzioni includono classifiche, modalità di gioco dal vivo, obiettivi, tornei e condivisione dei profili dei giocatori. Qualora l’utente valuti o utilizzi tali caratteristiche e funzioni oppure Microsoft le attivi, l’utente concede a Microsoft e alle sue consociate, ai suoi rivenditori, distributori, provider di servizi, partner e fornitori (ciascuno, una “parte Microsoft”) le seguenti autorizzazioni: Le parti Microsoft potranno utilizzare, registrare, archiviare, duplicare, distribuire, trasmettere, visualizzare al pubblico, erogare e riprodurre: (i) i punteggi dei giochi, (ii) le sessioni di gioco, (iii) la presenza sul servizio Xbox Live/Games for Windows-Live, (iv) il tempo dedicato a particolari parti del servizio Xbox Live/Games for Windows-Live, (v) parti del servizio Xbox Live/Games for Window-Live che sono visualizzate sul monitor o lo schermo e la durata della visualizzazione, (vi) classifiche, statistiche, profili dei giocatori, avatar e contenuto che potrà essere inviato e (vii) altre informazioni sull’utilizzo. Tali autorizzazioni si applicano con o senza attribuzione all’utente, al gamertag o all’avatar. Microsoft potrà utilizzare tali autorizzazioni senza fornire alcun tipo di comunicazione o compenso all’utente. Per evitare confusione, Microsoft ha il diritto di fornire indicazioni riguardo all’utilizzo e alla modalità di gioco di Xbox Live tramite Games for Windows-Live e viceversa. Qualora l’utente scelga di collegare l’account dei Servizi all’account di una parte Microsoft sul servizio Xbox Live (ad esempio, un editore di giochi o un fornitore di app), accetta che Microsoft possa condividere solo alcune informazioni dell’account con tale parte Microsoft. Tali informazioni relative all’account potranno includere nome, indirizzo, indirizzo di posta elettronica e data di nascita, ma non i dati della carta di credito né altri dati relativi ai pagamenti.

Affinché le caratteristiche di Xbox Live funzionino nel contesto di giochi specifici che l’utente ha scelto di utilizzare, gli editori di tali giochi potranno avere accesso alle informazioni di contatto online (ad esempio il nome visualizzato) tramite le quali l’utente o i suoi account associati possono essere contattati su Xbox Live nella modalità consentita dalle impostazioni Online e da quelle relative al Diritto alla Protezione dei Dati Personali. Qualora l’utente scelga di collegare l’account dei Servizi all’account di un editore, tale editore potrà anche accedere al contenuto delle comunicazioni in-game quando l’utente avrà eseguito l’accesso al proprio account con l’editore. L’utente può gestire le funzionalità di comunicazione su Xbox Live per se stesso e il minore nelle impostazioni Online e in quelle relative al Diritto alla Protezione dei Dati Personali.

L’utente non dovrà aspettarsi alcun livello di protezione dei dati personali che riguardano l’utilizzo delle funzionalità di comunicazione dal vivo (ad esempio, chat vocale, video e comunicazioni nelle sessioni con modalità di gioco dal vivo) offerte tramite il servizio Xbox Live/Games for Windows-Live. Microsoft potrà monitorare tali comunicazioni nella misura massima consentita dalla legge. Tuttavia, non potrà monitorare tutti i Servizi né tenterà di farlo. L’utente comprende che tali comunicazioni possano essere registrate e utilizzate da terzi. Le comunicazioni nelle sessioni di gioco dal vivo potranno inoltre essere trasmesse a terzi. Alcuni giochi potranno utilizzare gestori e host. Gestori e host dei giochi non sono portavoce autorizzati di Microsoft e le loro opinioni non riflettono necessariamente quelle di Microsoft.

Qualora l’utente utilizzi servizi abilitati alla funzionalità vocale, a Microsoft potranno essere inviati comandi vocali. L’utente acconsente alla registrazione e alla raccolta da parte di Microsoft dell’input vocale di tali comandi vocali per fornire i servizi abilitati alla funzionalità vocale e per migliorare la qualità e la precisione del riconoscimento vocale. Microsoft non utilizza l’input vocale per scopi diversi. Microsoft tratterà qualsiasi input vocale in conformità all’Informativa sulla Privacy (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=259655).

I Servizi potranno includere una valuta per i giochi virtuale, inclusi, a titolo esemplificativo, oro, monete, contanti o punti, che potranno essere acquistati presso Microsoft utilizzando strumenti monetari effettivi qualora l’utente sia legalmente adulto nel proprio Paese di residenza. I Servizi potranno includere anche elementi o beni digitali virtuali che potranno essere acquistati presso Microsoft utilizzando strumenti monetari effettivi o la valuta dei giochi. La valuta dei giochi e i beni virtuali non potranno mai essere riscattati in cambio di strumenti monetari effettivi, beni o altri elementi di valore monetario di Microsoft o altre parti.

A parte una licenza limitata, personale, revocabile, non trasferibile, non cedibile in sublicenza per l’utilizzo della valuta dei giochi e dei beni virtuali esclusivamente nei Servizi, l’utente non avrà alcun diritto o titolarità relativamente a tale valuta dei giochi o beni virtuali che appaiono o hanno origine nei Servizi o relativamente a eventuali altri attributi associati all’utilizzo dei Servizi o archiviati nei Servizi.

Microsoft potrà in qualsiasi momento regolare, controllare, modificare e/o eliminare la valuta dei giochi e/o i beni virtuali in base a ciò che, a sua discrezione, ritiene più adeguato.

Contratto di Licenza Standard per l’Applicazione Windows Phone

CONDIZIONI DI LICENZA STANDARD PER L’APPLICAZIONE (ULTIMO AGGIORNAMENTO: SETTEMBRE 2012)

WINDOWS PHONE STORE/MARKETPLACE

Le presenti condizioni di licenza costituiscono il contratto tra l’utente e il fornitore dell’applicazione. L’utente dovrà leggerle con attenzione. Tali condizioni si applicano alle applicazioni software di cui è stato effettuato il download da Windows Phone Store/Marketplace, inclusi eventuali aggiornamenti o supplementi per le applicazioni, a meno che l’applicazione non venga fornita con condizioni specifiche, nel qual caso si applicano le suddette condizioni. EFFETTUANDO IL DOWNLOAD O UTILIZZANDO L’APPLICAZIONE, L’UTENTE ACCETTA LE PRESENTI CONDIZIONI. QUALORA L’UTENTE NON LE ACCETTI, NON DISPORRÀ DEI DIRITTI NÉ DOVRÀ SCARICARE O UTILIZZARE L’APPLICAZIONE.

Il fornitore dell’applicazione è la persona giuridica che concede all’utente la licenza dell’applicazione nella modalità indicata nel Windows Phone Store/Marketplace.

Qualora l’utente accetti e si conformi alle presenti condizioni di licenza, disporrà dei diritti indicati di seguito.

1. DIRITTI DI INSTALLAZIONE E DI UTILIZZO. L’utente potrà installare e utilizzare una copia dell’applicazione su un massimo di cinque (5) dispositivi abilitati per Windows Phone che sono collegati all’account Microsoft usato per accedere al Windows Phone Store/Marketplace.

2. SERVIZI BASATI SU INTERNET.

a. Consenso all’Utilizzo dei Servizi basati su Internet o Wireless. L’applicazione potrà connettersi ai servizi basati su Internet o wireless. L’utilizzo dell’applicazione funge da consenso alla trasmissione di informazioni standard relative al dispositivo (incluse, a titolo esemplificativo, le informazioni tecniche inerenti al dispositivo, al sistema, al software dell’applicazione e alle periferiche) per servizi basati su Internet o wireless. Qualora l’utilizzo dei servizi sia accompagnato da altre condizioni, anche queste ultime saranno applicabili.

b. Utilizzo non Consentito dei Servizi Basati su Internet. L’utente non potrà utilizzare i servizi basati su Internet in alcun modo che possa danneggiarli o pregiudicare l’utilizzo degli stessi o della rete wireless da parte di altri. L’utente non potrà utilizzare il servizio per tentare di ottenere l’accesso non autorizzato a servizi, dati, account o reti con qualsiasi mezzo.

3. AMBITO DI VALIDITÀ DELLA LICENZA. L’applicazione non viene venduta, ma è concessa in licenza. Il presente contratto concede all’utente solo alcuni diritti di utilizzo dell’applicazione. Qualora Microsoft non conceda la possibilità di utilizzare le applicazioni sui dispositivi dell’utente ai sensi del contratto stipulato tra l’utente e Microsoft stessa, qualsiasi diritto di licenza associato cesserà. Il fornitore delle applicazioni si riserva tutti gli altri diritti. Nel limite massimo consentito dalla legge applicabile, l’utente potrà utilizzare l’applicazione esclusivamente nei modi espressamente concessi nel presente contratto. Nel far ciò, l’utente dovrà attenersi a qualsiasi limitazione tecnica dell’applicazione che gli consenta di utilizzarlo solo in determinati modi. Il Cliente non potrà:

• aggirare le limitazioni tecniche presenti nell’applicazione;

• decompilare o disassemblare l’applicazione, fatta eccezione e solo nella misura in cui tali attività siano espressamente consentite dalla legge applicabile, nonostante questa limitazione;

• effettuare più copie dell’applicazione di quante specificate nel presente contratto o consentite dalla legge applicabile, nonostante questa limitazione;

• pubblicare o in altro modo rendere l’applicazione disponibile per consentirne la duplicazione da parte di altri;

• concedere l’applicazione in noleggio, locazione o prestito né

• trasferire l’applicazione o il presente contratto a terzi.

4. DOCUMENTAZIONE. Qualora la documentazione sia fornita insieme all’applicazione, l’utente potrà duplicare e utilizzarla per scopi interni di consultazione.

5. LIMITAZIONI RELATIVE ALL’ESPORTAZIONE. L’applicazione è soggetta alle leggi e ai regolamenti in vigore negli Stati Uniti in materia di controllo dell’esportazione. L’utente dovrà attenersi a tutte le leggi e a tutti i regolamenti locali e internazionali applicabili all’applicazione in materia di controllo dell’esportazione. Tali leggi includono limitazioni circa le destinazioni, gli utenti finali e l’utilizzo finale. Per ulteriori informazioni sui prodotti con marchio Microsoft, l’utente potrà visitare la pagina www.microsoft.com/exporting.

6. SERVIZI DI SUPPORTO TECNICO. L’utente dovrà contattare il fornitore dell’applicazione per determinare se siano disponibili servizi di supporto tecnico. Microsoft (a meno che Microsoft non sia il fornitore dell’applicazione), il produttore del telefono e il gestore telefonico wireless non sono responsabili della fornitura di servizi di supporto tecnico per l’applicazione.

7. INTERO ACCORDO. Il presente contratto, le condizioni per i supplementi e gli aggiornamenti ed eventuali informative sulla privacy accettate dall’utente costituiscono l’intero accordo relativamente all’applicazione.

8. LEGGE APPLICABILE.

a. Stati Uniti. Qualora l’applicazione sia stata acquistata negli Stati Uniti, il presente contratto è disciplinato e interpretato esclusivamente in base alle leggi dello Stato di residenza dell’utente e tale legge si applica ai reclami aventi ad oggetto gli inadempimenti contrattuali e a tutti gli altri reclami, inclusi quelli aventi ad oggetto inadempimenti della normativa a tutela dei consumatori, inadempimenti delle norme in materia di concorrenza sleale e l’illecito civile, indipendentemente dai principi in materia di conflitto di legge.

b. Canada. Qualora l’applicazione sia stata acquistata in Canada, il presente contratto è disciplinato e interpretato esclusivamente in base alle leggi della provincia di residenza dell’utente e tale legge si applica ai reclami aventi ad oggetto gli inadempimenti contrattuali e a tutti gli altri reclami, inclusi quelli aventi ad oggetto inadempimenti della normativa a tutela dei consumatori, inadempimenti delle norme in materia di concorrenza sleale e l’illecito civile, indipendentemente dai principi in materia di conflitto di legge.

c. Al di fuori degli Stati Uniti e Canada. Qualora l’utente abbia acquistato l’applicazione in qualsivoglia altro Paese, il presente contratto sarà disciplinato dalle leggi di tale Paese.

9. EFFETTI GIURIDICI. Con il presente contratto vengono concessi determinati diritti. All’utente potranno essere concessi altri diritti ai sensi della legge del Paese di residenza. Il presente contratto non modifica i diritti dell’utente che la legge del suo Paese di residenza non consente di modificare.

10. ESCLUSIONE DI GARANZIE. L’APPLICAZIONE VIENE CONCESSO IN LICENZA “COM’È”, “CON TUTTI I DIFETTI” E “COM’È DISPONIBILE”. L’UTENTE SI ASSUME OGNI RISCHIO DERIVANTE DALL’UTILIZZO DELL’APPLICAZIONE. IL FORNITORE DELL’APPLICAZIONE, PER CONTO DI SE STESSO, MICROSOFT, I GESTORI DI TELEFONIA MOBILE SULLA CUI RETE VIENE DISTRIBUITA L’APPLICAZIONE, CIASCUNA DELLE RISPETTIVE CONSOCIATE E CIASCUNO DEI RISPETTIVI FORNITORI O DI COLORO CHE AGISCONO PER CONTO DI MICROSOFT (“PARTI INTERESSATE”) NON CONCEDONO ALCUNA GARANZIA O CONDIZIONE ESPRESSA AI SENSI DELL’APPLICAZIONE O IN RELAZIONE AD ESSA. TUTTI I RISCHI INERENTI ALLA QUALITÀ E ALLE PRESTAZIONI DELL’APPLICAZIONE SONO A CARICO DELL’UTENTE. NEL CASO IN CUI L’APPLICAZIONE DOVESSE RISULTARE DIFETTOSA, L’UTENTE SI ASSUME L’INTERO COSTO DELL’ASSISTENZA E DELLA RIPARAZIONE NECESSARIE. IL PRESENTE CONTRATTO NON MODIFICA GLI EVENTUALI DIRITTI DEI CONSUMATORI RICONOSCIUTI ALL’UTENTE DALLA LEGGE LOCALE. NELLA MISURA MASSIMA CONSENTITA DALLA LEGGE LOCALE DELL’UTENTE, LE PARTI INTERESSATE ESCLUDONO EVENTUALI GARANZIE O CONDIZIONI IMPLICITE, TRA CUI QUELLE DI COMMERCIABILITÀ (QUALITÀ NON INFERIORE ALLA MEDIA), ADEGUATEZZA PER UNO SCOPO SPECIFICO E NON VIOLAZIONE DI DIRITTI DI TERZI.

11. LIMITAZIONE DI RESPONSABILITÀ ED ESCLUSIONE DI RIMEDI E DANNI. NELLA MISURA MASSIMA CONSENTITA DALLA LEGGE L’UTENTE PUÒ RICHIEDERE AL FORNITORE DELL’APPLICAZIONE SOLO IL RISARCIMENTO PER I DANNI DIRETTI CHE NON DOVRÀ ECCEDERE IL MAGGIOR IMPORTO TRA QUELLO EFFETTIVAMENTE PAGATO E LA SOMMA DI UN DOLLARO (US$1,00). L’UTENTE NON AVRÀ IL DIRITTO DI OTTENERE IL RISARCIMENTO DI ALCUN ULTERIORE DANNO, INCLUSI I DANNI CONSEQUENZIALI, SPECIALI, INDIRETTI, INCIDENTALI, MORALI O PER MANCATO GUADAGNO DALLE PARTI INTERESSATE.

Questa limitazione si applica:

• a qualsiasi questione relativa all’applicazione, al contenuto o ai servizi resi disponibili attraverso l’applicazione e

• ai reclami aventi ad oggetto l’inadempimento contrattuale, l’inadempimento della garanzia o delle condizioni, la violazione della normativa a tutela dei consumatori, la frode, la violazione delle norme in materia di concorrenza sleale, la responsabilità oggettiva, la negligenza, la falsa rappresentazione, l’omissione, l’abuso o altro illecito civile, la violazione dello statuto o del regolamento oppure l’arricchimento indebito, il tutto nella misura consentita dalla legge applicabile.

Tale limitazione si applica anche nel caso in cui:

• la riparazione, la sostituzione o il rimborso dell’applicazione non risarcisca completamente l’utente di eventuali perdite o

• la Parte Interessata sia stata informata o avrebbe dovuto essere informata della possibilità del verificarsi di tali danni.